giovedì 6 aprile 2017

Prodotti finiti marzo 2017

E' arrivato il consueto momento del mese in cui bisogna riordinare e gettare via le confezioni dei prodotti finiti, perciò ecco tutto quello che ho terminato nel mese di marzo e che finalmente potrò cestinare.  





Vediamoli nello specifico:
Scrub corpo Kaloderma: Nell'ultimo anno ho preso ad usare in maniera più sistematica lo scrub per il corpo che finora avevo sempre evitato perché vittima della mia enorme pigrizia. C'è da dire che lo scrub corpo è un prodotto che uso molto di più in estate perché, dovendo depilarmi più di frequente rispetto all'inverno, ho bisogno di esfoliare maggiormente la pelle. Nel mio caso l'esigenza si fa ancora più pressante perché utilizzo il silk epil anziché la ceretta o la lametta, perciò se non faccio periodicamente lo scrub mi ritrovo piena di peli incarniti. Questo prodotto mi è piaciuto molto innanzi tutto per il prezzo visto che costa soli 7.90€ per 500gr; inoltre i grani, nonostante siano abbastanza grandi, non sono troppo aggressivi. Grazie anche alla presenza di una parte oleosa costituita dall'olio di macadamia e lavanda lo scrub scivola facilmente e senza lasciare la pelle irritata. Ho trovato un po' inutile la stecchetta di legno che c'era per miscelare le due parti, quella oleosa e quella granulosa, perché troppo sottile, infatti si è spezzata dopo un paio di utilizzi. 
Detergente viso Aloeschiuma di Bioearth: Questo detergente l'ho terminato da un bel po' ed è stato un prodotto che ho amato tantissimo. Comprato abbastanza a scatola chiusa sul suggerimento della proprietaria della mia bioprofumeria di fiducia, è stato un prodotto rivelazione! Deterge il viso perfettamente senza essere aggressivo, la pelle rimane pulita senza tirare e la consistenza è quella di una spuma morbidissima. La quantità che vi servirà per ogni utilizzo è veramente poca facendo durare questo prodotto molto a lungo. L'erogatore a pompetta è comodissimo e igienico, mi sento di consigliarvelo caldamente e io l'ho ricomprato per la seconda volta. 
- Glossing Buffer in 2 fasi di Kiko: Non so se sia ancora in commercio questa lima, ma in tal caso statene alla larga perché è un prodotto flop! Fortunatamente non è un mio acquisto, ma il regalo di un'amica. Lei l'aveva presa per limare la ricrescita della ricostruzione gel ma si era trovata male e non stento a crederlo visto che non funziona nemmeno sulle unghie normali. La grana è troppo sottile per poter limare, inoltre la base è così morbida che quando la si passa sulle unghie finisce per incidersi lasciando dei solchi. La fase 2, quella per lucidare, è completamente inutile, quindi sono ben contenta di gettarla via.



- Burrocacao Noix de Coco di Yves Rocher: questo burro invece è stata una piacevole scoperta visto che non mi sono mai trovata bene con i prodotti della Yves Rocher. E' un burro dal gradevole profumo di cocco, delicato e per niente chimico e trovo anche che abbia un buon potere idratante. Lo tenevo sul comodino per applicarlo la sera prima di andare a dormire, la mattina mi svegliavo con le labbra idratate e morbide.





























 - Moroccanoil: Anni fa c'era stata una sorta di psicosi collettiva per questo olio per capelli, tutte le youtuber e blogger erano impazzite e non facevano altro che parlarne in ogni dove. Passata la moda del momento sono riuscita a provarne una travel size. Lo utilizzavo applicandone un po' sulle punte dei capelli ancora bagnati procedendo poi all'asciugatura. I miei capelli nell'ultimo anno sono arrivati a delle lunghezze impressionanti e iniziavano ad avere bisogno di un piccolo boost di nutrimento, nonostante non siano dei capelli secchi. Devo dire che mi è piaciuto molto, ha un odore delizioso e i capelli rimangono più morbidi e profumati una volta asciutti, senza però essere unti nonostante sia un olio. Non credo però di ricomprarlo perché ha un costo esorbitante e ci sono valide alternative più economiche.


- Mascara In Extreme Dimension 3D Black Lash di MAC: Last but not least, mi ero dimenticata di questo mascara nel fondo di un cassetto, poi mi sono ricordata che l'avevo tenuto perché potevo utilizzarlo per il Back2Mac, solo che non l'avevo mai inserito fra i prodotti finiti. Questo mascara era il regalo di un'amica dagli Stati Uniti, mi era piaciuto tantissimo perché separava bene le ciglia senza appiccicarle e non conferiva un look troppo drammatico quindi adatto anche per un look quotidiano e non troppo impegnativo.
Ecco qui, ora vado di corsa a buttare via queste confezioni vuote, rigorosamente nei rispettivi cassonetti per il riciclo, e a fare spazio!

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...