mercoledì 16 ottobre 2013

Piatti da favola: quando le necessità di una mamma diventano arte

Vi ricordate quando da piccoli non mangiavate le verdure? Chi odiava i carciofi, chi gli spinaci, chi i piselli e la mamma, disperata, ricorreva al trucco di camuffarli; finivano nelle frittate, come condimento della pasta o in mezzo al pane. Da piccola odiavo il minestrone, per mangiarlo facevo in modo di prendere un fagiolo ad ogni boccone perché era la sola cosa che mi piacesse e speravo che così facendo si annullassero i sapori di tutte le altre verdure. 
Da questa pratica vecchia come il mondo nasce la storia di Samantha Lee, casalinga e madre di due bambine. Lei è una food artist, trasforma il cibo in una storia, una fiaba, qualcosa che catturi l'attenzione dei piccoli e gli faccia dimenticare che l'insalata è verde.


Il suo talento prende forma quando, incinta della sua seconda figlia, inizia a creare piatti divertenti che vedevano protagonisti personaggi dei cartoni e non, per rendere la sua primogenita autonoma nel mangiare una volta che fosse nata la piccola. Bastava fare qualche schizzo, programmare il tutto ed ecco apparire nel piatto Harry Potter o Snoopy. 
I suoi strumenti sono le forbici, i coltelli e gli stuzzicadenti; chi l'ha detto che si può essere artisti solo con tavolozza e pennello?




6 commenti:

  1. Vero?! A me piace tantissimo l'idea di usare i fusilli per i capelli di Brave

    RispondiElimina
  2. Sono bellissimi *____* E sembrano decisamente più buoni delle torte di Buddy XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche un copertone sarebbe meglio delle torte di pongo di Buddy XD

      Elimina
  3. *_____* io voglio harry Asparago :D bellissimi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tutti bellissimi e fanno venire una gran fame *_____* se vai sul suo sito c'è tutta una gallery con migliaia di piatti uno più bello dell'altro! ^^

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...