martedì 25 dicembre 2012

Have a break, have a tea

Metti un freddo pomeriggio d'inverno, di quelli da sciarpa e cappello, tre amiche che si devono scambiare i regali di Natale e aggiungici la necessità di un luogo chiuso per spettegolare in tutta tranquillità. Ecco, questi sono gli ingredienti perfetti per godersi un po' di relax al Bibelot Arthè situato a Piazza dell'Alberone 13, Roma.

Questo non è un semplice bar, ma una vera e propria sala da tè anche se l'arredamento è, per certi versi, alternativo. Normalmente se penso alle sale da tè mi viene in mente Jane Austen o le sorelle Bronte intente a intavolare una discussione letteraria e non di certo Tarzan che sorseggia dell'estratto di bambù da una noce di cocco. Sì, ho pensato a Tarzan per via del rivestimento maculato delle sedie che conferisce quella nota kitsch che spiazza un po' ma che, al tempo stesso, smorza un po' il tono serioso del locale.
Sicuramente se siete degli amanti del tè non potete non farci un salto perché c'è tutta una serie di tè e infusi dalle miscele particolari, evocative e originali. Oltre alla classica teiera vi verrà portato un delizioso vassoietto di ceramica con zollette di zucchero di canna e classico, e dello zucchero semolato. In un altro vassoietto avrete dei classici pasticcini da tè.



Io ho optato per una cioccolata calda, la prima della stagione, al pistacchio(ho una specie di ossessione per il pistacchio, assaggio qualsiasi cosa lo contenga) e anche a me sono stati portati dei biscottini extra, cosa che personalmente adoro. Anche di cioccolate ce ne sono moltissimi tipi, addirittura al marron glacé e che sicuramente assaggerò la prossima volta che ci tornerò. I prezzi non sono proprio cheap ( i tè oscillano tra i 6 e gli 8€) ma alla fine vengono compensati dalla location particolare e dai biscottini; inoltre è possibile usare i giochi da tavola messi a disposizione dal locale stesso.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...